SANITA’ DOVE SEI?. IRAN: SCIOPERO DELLA FAME NEL CARCERE DI KARAJ

SANITA’ DOVE SEI?. IRAN: SCIOPERO DELLA FAME NEL CARCERE DI KARAJ

SANITA’ DOVE SEI?.Si legge continuamente di pronti soccorsi al collasso totale. Eppure i numeri covid non sono così drammatici al momento. Taglia, taglia, taglia, ci troviamo anche con ps un tempo all’eccellenza oggi allo sbando. Facile oggi dare la colpa a medici, infermieri quando per anni i medesimi non sono stati assunti o confermati. In Calabria lavorano medici cubani. Sul fronte sanitario è anche crisi per i medici di base. Chi va in pensione non viene rimpiazzato ed oggi molti medici hanno 1600 pazienti da seguire. Un mezzo paese. E’ evidente che questo stillicidio di disastri spinga verso il privato per chi può permetterselo. Esami per i quali attendi un anno in luoghi convenzionati e non trovi il posto dieci giorni dopo. Non mi pare di scorgere allarmi particolari da parte di nessuno ma forse siamo rimasti in pochi a difendere la sanità pubblica dall’americanizzazione.

IRAN: SCIOPERO DELLA FAME NEL CARCERE DI KARAJ. Le notizie tendono sempre al peggio, si inasprisce la repressione, non mollano i manifestanti con enorme coraggio. Si avvicinano anche condanne a morte ed alcuni tribunali stanno condannando a questa pena anche chi ha incoraggiato le rivolte.

Intanto nel carcere di Karaj (Tehran) quindici donne hanno iniziato lo sciopero della fame per protestare contro le durissime condizioni carcerarie per i manifestanti arrestati.

Armita Abbasi 22 anni

Elham Modaresi

Hamideh Zeraei

Jasmin haj Mirzamohammadi

Fatemeh Nazarinejad

Fatemeh Mosleh heidarzadeh

Niloufar Shakeri

Marzieh Mirghasemi

Shahrazad Derakhshan

Fatemeh Jamalpour

Niloufar Kerdoni

Somayeh Masoumi

Maedeh Sohrabi

Fatemeh Harbi

Eniseh Mousavi

I nomi sono riportati dal quotidiano la stampa e le cito per il coraggio e perché le penso come nostre sorelle in un orrendo momento di difficoltà

MERITA UN COMMENTO?. Merita un commento quanto avvenuto sull’a1 oggi. Lanci di sassi bengala, gente che scende dai van e corre per l’autogrill lo stesso dove morì il laziale Sandri. Per me no, merita ovviamente l’intervento dell’autorità giudiziaria con relativi accertamenti di responsabilità. Mi pare da quanto si scorge che sia persino andata bene ma credo sia tempo di intervenire non sulle curve ma sulla parte violenta di questi pseudo tifosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.