Sostieni Valchisone.it visitando questi siti partners certificati a te non costa nulla

Accesso gestione articoli

Accesso Utenti

Visite & Stats

Top - Siti web

Top - Siti web 2

Siti Istituzionali

Archivio Articoli/News

home2

Raffaella Calvo è nata a Torino nel 1967. Ha lavorato come commessa dall’età di quindici anni, dal 1995 al 2007 operaia metalmeccanica presso la Lear di Bruino e all’Embraco di Riva presso Chieri. Nel 1998 ha aderito al Partito della Rifondazione Comunista, dove milita tuttora. Ha partecipato ai Social Forum di Genova, Firenze, Londra e Atene ed alla costruzione del movimento, da sempre attivista NO TAV. Nel novembre 2004 ha trovato la sua fabbrica, l’Embraco, chiusa dalla sera alla mattina e quindi l’ha occupata con i suoi compagni di lavoro per diversi mesi, In seguito ha acquisito la qualifica di O.S.S. (operatore socio sanitario) ed ho trovato lavoro presso diverse cooperative sociali. E' stata nel Direttivo Provinciale CGIL Funzione Pubblica, fino all'anno scorso anno quando è entrata nella C.U.B. di cui fa parte, ancora, (Direttivo Provinciale). 
Quali sono i punti salienti del tuo programma e quali sono le priorità su cui occorre intervenire?
Io ritengo che il patto di stabilità-compatibilità che non permette di affrontare le emergenze sociali vada superato. Io sono una militante di Rifondazione Comunista e con il mio partito abbiamo fatto una campagna politica denominata "I soldi ci sono". Da anni si dice che il problema è il debito pubblico perché abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità e che per diminuire il debito, vanno tagliati i servizi e privatizzati i beni comuni. Bisogna prendere le risorse da chi le ha, le banche private e i grandi evasori fiscali; sono per abrogare la controriforma delle pensioni, ridurre l'orario di lavoro, per istituire il reddito minimo garantito e rilanciare il welfare. I servizi comunali, compresi i trasporti devono essere pubblici. Infine i  problemi dell'emergenza abitativa e del mondo giovanile, l'istruzione, le mense scolastiche e gli altri servizi sono diventati troppo cari e non sono più accessibili a tutti, soprattutto alle famiglie dei disoccupati. 
Qual'è e quale sarà il ruolo di Torino in comune e come immagini la Torino del futuro?
Io immagino la sinistra del futuro, come unitaria, plurale, democratica e alternativa al PD ed al centro-sinistra, qualcosa come la prima Syriza. Il rispetto delle identità dei soggetti partecipanti non impedisce che ci si possa muovere assieme e costruire un nuovo CLN contro il neoliberismo. La Torino del futuro è legata molto al successo del progetto "Torino in Comune-Airaudo sindaco" la nostra lista può e deve essere un laboratorio progettuale, valido anche a livello nazionale. Basta leggere i nomi dei candidati, per vedere che la Torino del mondo del lavoro è rappresentata in tutte le sue sfaccettature e nelle varie realtà di lotta. 
Pubblicato in Attualità
Lunedì, 31 Agosto 2015 13:29

Il progetto TAV

Il progetto TAV
By Maya@valchisone.it

 

Ho già avuto modo di esprimere forti perplessità sul progetto TAV per la tratta nazionale della Torino-Lione. Le ferrovie italiane a fine 2003 hanno presentato il progetto preliminare della linea TAV/TAC suscitanto numerose domande.
Da Settimo Torinese a Bruzolo, situato nella bassa val di Susa, sono quarantaquattro chilometri di tratta. Si prevede una galleria unica che parte da Grange di Brione fino a Borgone (galleria del Musine) di quasi 23 chilometri.
Si prevedono altre tre gallerie secondarie: Rivera, Caprie e Frangetta. Località della Valsusa, provincia di Torino.
La tratta internazionale prevede un altro tunnel, da Venaus a St Jeanne de Maurienne più di trenta chilometri.
Sia nella tratta nazionale che in quella internazionale sono stati riscontrati gravi problemi per la salute e l'ambiente.
Gli studi di un'equipe di geologi dell'Università di Siena, al termine di un'indagine finalizzata alla ricerca di rocce amiantifere in bassa val Susa (tra Grange e Condove), hanno dimostrato come nella metà dei campioni esaminati e prelevati (circa 39 in 29 punti diversi) siano state riscontrate tracce di amianto.
Si prevede che sarà necessario estrarre circa più di un milione di metri cubi di rocce amiantifere per completare i lavori della tratta nazionale. Circa la metà (500 mila metri cubi) verranno stoccate a Tetti San Mauro presso Almese. Non risulta un piano di sicurezza che possa impedire la dispersione di fibre d'amianto nell'aria. Non mi è noto un progetto che possa stoccare e in condizioni di sicurezza gli altri 500mila metri cubi.
L'amianto si disperde con una certa facilità e si deposita nei polmoni.
L'amianto causa il mesotelioma, tumore maligno della pleura che si manifesta in media dopo quindici anni e provoca il cento per cento di mortalità. In provincia di Torino attualmente ci sono cinque decessi causati dal mesotelioma ogni duecento mila abitanti.
Si è pensato seriamente a quali rischi si potrebbero correre movimentando un milione di metri cubi di rocce amiantifere?.
Non è finita perché la tratta internazionale presenta il problema uranio. Precisamente nel massiccio d'Ambin, il materiale presente si chiama pechblenda. Non si conosce il presunto volume da estrarre ma si sa bene che l'uranio contamina anche le falde acquifere e i corsi d'acqua per l'irrigazione. Si disperse anch'esso facilmente nell'aria e può essere inalato.
L'uranio provoca il linfoma.
Credo che occorra una seria riflessione da parte di tutti, Regione e Provincia compresi, prima di intraprendere un progetto tanto importante quanto rischioso. Esisteranno mai margini di sicurezza così ampi quanto si movimentano materiali tanto pericolosi?. Il progresso deve essere sempre eco-compatibile, si realizzi il progetto (che certamente non sarà di basso impatto su una vallata già trafficata) solo in presenza di chiare e lineari predisposizioni di sicurezza.

Maya@valchisone.it

Pubblicato in Attualità

Segui le ultime news

Cerchi qualcosa nel sito?

Webcam

Meteo webcam live

Tutte le webcam aggiornate

Facebook

Meteo Valchisone

Meteo per 5 giorni

 PREVISIONI
WHEATHER FORECAST

meteometeometeometeo

 

Scegli la tua Stazione Meteo

barometro

Villar Perosa

 

Roure

 

Pragelato

Siti Partners

 Logo Ufficiale Meteo Pinerolese

logo 300x235

Pineroloplay

Contatti mail         Informativa sui cookies            Privacy                skype

 

Valid Robots.txt

 

Valchisone.it non ha scopo di lucro, i banner pubblicitari presenti servono unicamente a coprire le spese di gestione e mantenimento.Tutto il materiale presente nel sito è di proprietà dei legittimi proprietari. Non intendiamo violare nessun tipo di copyright. Il proprietario del sito si intende sollevato da ogni responsabilità per danni causati da dichiarazioni personali rese nei confronti di terzi fruitori e non del sito e da qualsiasi informazione tesa a screditare ogni persona o attività.