Sostieni Valchisone.it visitando questi siti partners certificati a te non costa nulla

Accesso Utenti

Visite & Stats

Top - Siti web

Top - Siti web 2

Siti Istituzionali

Archivio Articoli/News

home2

Visita Museo Egizio di Torino

Nel 1824 il re Carlo Felice di Savoia fondò il Museo delle Antichità Egizie di Torino, meglio noto come Museo Egizio, acquisendo una collezione di ben 5.628 reperti riuniti da Bernardino Drovetti, console di Francia durante l’occupazione in Egitto.

 Re Carlo Felice riunì la collezione di Drovetti con altre collezioni tra cui quella di Donati e con altre antichità possedute da Casa Savoia, dando cosi vita al primo Museo Egizio del mondo.

Alla collezione del Museo si sono poi aggiungti altri ritrovamenti effettuati tra il 1900 ed il 1935 dalla Missione Archeologica Italiana e portati in Italia. All’epoca di questi ritrovamenti i reperti archeologici ritrovati da varie spedizioni straniere venivano ripartiti tra il paese di origine della spedizione e l’Egitto. Oggi le cose sono diverse, i reperti ritrovati rimangono in Egitto.

Il Museo Egizio di Torino ha oggi sede nel Palazzo dell’Accademia delle Scienze, l’imponente edificio seicentesco la cui costruzione iniziò nel 1679 ad opera dell’architetto Michelangelo Garove sul progetto originario di Guarino Guarini.

Oggi nel Museo sono esposti circa 6.500 reperti archeologici, ma oltre 26.000 sono depositati nei magazzini. I reperti coprono un periodo che va dal paleolitico fino all’epoca copta, vale a dire l’epoca dei cristiani egiziani nativi.

Del museo fanno parte numerose statue, sarcofaghi e corredi funerari, mummie, papiri, amuleti, gioielli. Tra gli oggetti esposti spiccano per la loro importanza:

– il Tempio Rupestre di Ellesija, fatto costruire dal Faraone Thutmose III e donato dall’Egitto all’Italia dopo che nel 1965 il Museo Egizio di Torino lo salvò dal pericolo di essere sommerso del lago Nasser. Lo Stato Italiano donò quindi poi il Tempio allo museo.
– le statue delle dee Iside e Sekhmet e quella di Ramesse II,
– il Papiro delle miniere d’oro, la mappa delle miniere della zona nel nord-est del Sudan, sede dell’antico insediamento urbano di Berenice Pancrisia
– la tomba intatta di Kha e Merit, risalente alla XVIII dinastia in cui furono sepolti l’architetto Kha e sua moglie Merit con il corredo funerario e che fu ritrovata dall’egittologo italiano Ernesto Schiapparelli
– i rilievi di Djoser, faraone della III dinastia Egiziana

Il Museo delle Antichità Egizie di Torino, è considerato, per il valore dei suoi reperti, il più importante Museo egizio del mondo dopo quello de Il Cairo. Vale dunque la pena visitarlo per ammirare le testimonianze di una delle più grandi civiltà della storia dell’uomo. Il fatto che si trovi proprio a Torino, città da sempre considerata "oscura" per vari motivi, sembra non essere casuale, dato che il culto egizio è sempre stato visto come occulto, visto che per la maggior parte riguarda l'aldilà, spesso popolato da figure mostruose che il defunto deve affrontare prima di arrivare al paradiso di Osiride. All'interno è possibile trovare molte statue, papiri, rilievi provenienti dall'Egitto, ma merita in particolar modo attenzione il Libro dei Morti al quale è dedicata un'intera parete. Ve ne sono di diverso tipo, riconoscibili per l'enorme quantità di scritte affiancate da situazioni che, come un fumetto, raccontano una vicenda e soprattutto per via dell'ultima scena che tutti accomuna: il giudizio universale dei Morti di Osiride.

Sostieni Valchisone.it visitando questi siti partners certificati a te non costa nulla

Il Libro dei Morti veniva sempre sepolto insieme al defunto, così da averlo con se, oppure veniva direttamente disegnato all'interno del sarcofago. Una cosa è certa, mai un'anima avrebbe vagato nell'aldilà senza questo importantissimo aiuto!

Il Libro dei Morti è una raccolta di testi funerari di varia natura, che si diffondono a partire dal Nuovo Regno e che gli Egizi chimavano: "Formule per uscire nel giorno". I diversi capitoli sono introdotti da un titolo e spesso vengono accompagnati da scene. Fondamentalmente il Libro dei Morti è una sorta di manuale da portarsi appresso nel lungo e difficile cammino nell'aldilà fino a giungere al cospetto di Osiride. Infatti, dopo morti, non si giungeva subito al Paradiso o all'Inferno, ma bisognava affrontare una serie di ulteriori prove che, senza questo libro in aiuto, era quasi impossibile superare. Infatti quasi tutti i sarcofagi vennero internamente dipinti con il Libro dei Morti, o, in alternativa, il papiro veniva posizionato accanto alla mummia del defunto. Lo scopo del testo è per l'appunto, il conseguimento di spirito eletto al quale si giunge attraverso un percorso disseminato di pericoli e insidie, che si possono superare solo conoscendo e recitando le formule magiche appropriate.

Al termine del viaggio si giunge alla prova finale, il giudizio davanti al tribunale di Osiride che rappresenta il momento cruciale per conseguire la piena sopravvivenza ed essere accolto in Paradiso, tra gli dèi. Il defunto viene accompagnato per mano da Anubi di fronte a 42 dei che gli chiedono di confessare 42 peccati terreni. Dopo che il defunto confessa di essere totalmente innocente e di non averne mai compiuto neppure uno, il dio con la testa di sciacallo, posiziona il suo cuore sulla bilancia insieme alla piuma di Maat (la verità). Toth, che ha come testa un ibis, dio della scrittura e della conoscenza, segna su di un papiro il risultato (che guarda caso viene rappresentato sempre positivo! Si tendeva così a portar fortuna...), se il cuore è più leggero della piuma, allora l'anima è pura e Horus, con la testa di falco lo condurrà per mano di fronte a Osiride che, accompagnato dalle mogli e sorelle Iside e Nephtis, lo accoglierà nei cielo. Se invece il cuore pesa più della piuma, allora sarà divorato dal mostro Ammut.

 

Sostieni Valchisone.it visitando questi siti partners certificati a te non costa nulla

Foto e Visita nel 2016 di S. Nota

201600001 201600002 201600003

201600004 201600005 201600006

201600007 201600008 201600009

201600010 201600011 201600012

201600013 201600014 201600015

201600016 201600017 201600018

201600019 201600020 201600021

201600022 201600023 201600024

201600025

Backstage: Un viaggio lungo 5 anni di lavori per il nuovo museo egizio

Quasi 5 anni di lavori, un budget di 50 milioni di euro e il museo sempre aperto, nonostante ospitasse uno tra i cantieri più grandi d’Europa.


 

Orari di apertura

Lun. Dalle 09.00 alle 14.00 Mar- Dom: dalle 09.00 alle 18.30

La Biblioteca

lun.-ven.: 10- 17

Dove è

Via Accademia delle Scienze, 6, 10123 Torino

Info e prenotazioni

Lun.-ven. 08.30-19. Sab. 08.30-13.00

Mail

per informazioni scrivere una mail a info@museitorino.it

Telefono

tel.: 011.5617776 - info e prenotazioni: 011.4406903

Segui le ultime news

  • Kayak 2017 Val Chisone Val Pellice Freeflow (944) 2017-01-24 09:17:29

    Ecco il programma per il 2017 in versione da stampare e tenere COSA QUANDO DOVE Apertura scuola Dal 1° marzo al 31 novembre Val pellice Corsica free ride 22 aprile —1 maggio Corsica       Valli olimpiche free ride Aprile/Maggio/Giugno Fiumi valli olimpiche Stage di tecnica ad Ausgburg 2-3-4 giugno Ausgburg (germania) Free Flow Work Shop: > Il Boof: 13-14 maggio > Riding hole 10-11 giugno > Be a safe kayaker 17-18 giugno > Be a female kayaker 1-2 luglio Richiedi i programmi dettagliati Val Pellice...

    Leggi tutto...

  • Stagione teatrale Villar Perosa 2016 - 2017 (1654) 2016-12-19 08:05:24

      VENERDI 6 GENNAIO 2017 CONCERTO PER L'EPIFANIA LE RAGAZZE DEL JUKE BOX Con The Robin Gals FONDAZIONE GABRIELE ACCOMAZZO Immaginate un palco vuoto: un pianoforte e tre microfoni. E poi esplode la la musica di Longest Time di Billy Joel, in tutta la sua prorompente gioia. A stento il pubblico riesce a credere che tanta forza sonora venga da un pianoforte e tre voci, ma è così. Tale è la forza vocale, scenica e musicale del quartetto. Tra aneddoti, gags e storie avvincenti le Gals vi prendono per...

    Leggi tutto...

  • AGGIORNAMENTO E SITUAZIONE VIABILITA' VALCHISONE e GERMANASCA (10212) 2016-11-25 05:58:32

    28/01/17   Dopo la nevicata della scorsa notte, non si segnalano particolari problemi, tutte le località sciistica della zona Valchisone e Germanasca :  #Prali #Pragelato #Sestriere sono raggiungibili con uso di gomme termiche.       14/12/16   Da domani, giovedì 15 dicembre 2016la strada provinciale 169 per Prali, in prossimità della frana, sarà percorribile senza fasce orarie, con senso unico alternato a vista per circa 100 m. L’unica limitazione è il divieto di transito ai veicoli di massa a...

    Leggi tutto...

  • obbligo gomme invernali 2016 provincia torino (2482) 2016-11-02 13:46:42

    Tutti i veicoli, nel periodo invernale, sono obbligati a viaggiare con le catene a bordo o con pneumatici da neve nei tratti di strada maggiormente a rischio di gelate e di consistenti nevicate. L'obbligo deriva da un'ordinanza (pdf 436 KB) emessa dalla Città metropolitana. Nella tabella sono elencate le strade interessate dall'ordinanza e il periodo di riferimento.  SANZIONI - Circolare senza gomme invernali quando vige l’obbligo è punito con una sanzione pecuniaria: nei centri abitati è...

    Leggi tutto...

  • Grande successo di pubblico per la presentazione del Giro 2016 a Pinerolo (3678) 2016-02-26 13:56:29

    Ieri sera, giovedì 25 Febbraio, Pinerolo è tornata ai fasti ciclistici che le compete. Ospite arrivato dalla Francia il grande Bernard Hinault, il più grande ciclista di tutti tempi dopo Coppi e Merckx, secondo i presentatori della serata, Alessandro Fabretti, Andrea De Luca, Massimiliano Lelli, Beppe Conti.       Non potevano mancare Vittorio Adorni e Felice Gimondi, Marino Basso e Francesco Moser con il rivale di sempre Beppe Saronni. Quindi, Moreno Argentin, Gianni Bugno, Maurizio Fondriest,...

    Leggi tutto...

  • Giro D’Italia 2016 – Presentazione a Pinerolo con i Campioni giovedì 25/2 (4539) 2016-02-20 10:29:00

        Giovedì 25 febbraio 2016 verrà presentato alle 21.00 presso il Teatro Sociale di Pinerolo il Giro d’Italia, che quest’anno avrà tappa doppia proprio a Pinerolo (Muggiò-Pinerolo e Pinerolo-Risoul), sino al suo traguardo finale però questa volta a Torino. Elvio Chiatellino, il Fitzcarraldo del ciclismo, ha organizzato dunque una grande serata con tutti i protagonisti di questo incredibile sport, tra cui i tre nomi di eccellenza di Vincenzo Nibali, Fabio Aru e Bernard Hinault… e chissà che non ci...

    Leggi tutto...

  • "Oltre i muri" - Enrico Challier e Valentina Costantino (2502) 2016-09-14 08:55:13

    Lo spazio dell'opera e lo spazio intorno all'opera, dodici sculture lignee di Challier, ambientate sullo fondo di scatti fotografici di grande formato della Costantino, selezionati per evocarne i luoghi, documentando e valorizzando visivamente il singolare fascino di questo dialogo temporaneo orario: Feriali: 16-19 Sabato e domenica: 10-12 e 16-19 Lunedì chiusobiglietti: ingresso liberovernissage: 8 settembre 2016. Ore 18.00curatori: Francesco Poliautori: Enrico Challier, Valentina...

    Leggi tutto...

  • Presentato il Giro d'Italia 2016 (5124) 2015-10-05 18:55:42

    Nuovamente la Valchisone ed il Pinerolese saranno crocievia per le sorti del Giro d'Italia. Stavolta tocca all'edizione n. 99 del 2016 LE TAPPE1ª tappa, venerdì 6 maggio, Apeldoorn (Crono individuale), 9,8 km2 ª tappa, sabato 7, Arnhem-Nijmegen, 190 km3 ª tappa, domenica 8, Nijmegen-Arnhem, 189 kmLunedì 9, riposo4 ª tappa, martedì 10, Catanzaro-Praia a Mare, 191 km5 ª tappa, mercoledì 11, Praia a Mare-Benevento, 233 km6 ª tappa, giovedì 12, Ponte-Roccaraso (Aremogna) 165 km7 ª tappa, venerdì 13,...

    Leggi tutto...

Cerchi qualcosa nel sito?

Webcam

Meteo webcam live

Tutte le webcam aggiornate

Facebook

Meteo Valchisone

Meteo per 5 giorni

 PREVISIONI
WHEATHER FORECAST

meteometeometeometeo

 

Scegli la tua Stazione Meteo

barometro

Villar Perosa

 

Roure

 

Pragelato

Siti Partners

 Logo Ufficiale Meteo Pinerolese

logo 300x235

Pineroloplay

Contatti mail         Informativa sui cookies            Privacy                skype

 

Valid Robots.txt

 

Valchisone.it non ha scopo di lucro, i banner pubblicitari presenti servono unicamente a coprire le spese di gestione e mantenimento.Tutto il materiale presente nel sito è di proprietà dei legittimi proprietari. Non intendiamo violare nessun tipo di copyright. Il proprietario del sito si intende sollevato da ogni responsabilità per danni causati da dichiarazioni personali rese nei confronti di terzi fruitori e non del sito e da qualsiasi informazione tesa a screditare ogni persona o attività.